Risultati della ricerca
Risultati della ricerca

€ 0 a € 1.000

Altre opzioni di ricerca
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Crescono le prenotazioni per le vacanze invernali sul Lago di Garda

Postato da LagoVacanze on 15/01/2017
| 0

Le-prenotazioni-per-le-vacanze-invernali-sul-Lago-di-Garda-PSul Lago di Garda rispetto al trend estivo crescono gli italiani, ma gli stranieri non sono mancati per la notte di San Silvestro.

Il Basso Garda resta una delle mete più apprezzate per chi cerca una vacanza sul Lago di Garda in inverno. Nonostante il tiepido sole e le temperature diurne a due cifre che rimandano ad ambientazioni decisamente primaverili, sulla sponda bresciana del lago resta intatta l’atmosfera natalizia, tra le luci delle decorazioni e le frenesie da shopping dell’ultima ora. Alcuni turisti hanno scelto di brindare tra le mura della casa vacanza affittata sul Lago di Garda per le feste di Natale, altri hanno optato per i caratteristici ristoranti (qualcuno anche stellato) riaperti proprio in occasione dell’ultimo scorcio di 2016.

RIMANENDO nel comparto del settore alberghiero-ricettivo, si segnalano un po’ ovunque numeri decisamente in crescita, grazie anche alla campagna web-promozionale attuata dal Consorzio turistico lago di Garda Lombardia nei mesi precedenti, dedicata a chi ha programmato l’apertura invernale.

«Rispetto allo scorso periodo dell’anno – sottolinea il direttore del Consorzio Marco Girardi – non è azzardato affermare che le strutture aperte durante le festività sono il 5% in più del 2015, se si prende in considerazione l’intero segmento fra Sirmione a Limone la percentuale sale al 20%».

SULLA PROVENIENZA dei turisti si assiste a un’inversione di tendenza rispetto al periodo estivo monopolizzato dagli stranieri. In questo periodo, gli ospiti sono soprattutto italiani, giovani coppie perlopiù che hanno prenotato in B&B, ville, case e appartamenti in affitto sul Lago di Garda dislocati sulla costa ma anche e soprattutto nell’entroterra, location in cui la vacanza è un po’ più allungata grazie alla possibilità di praticare mountain bike, trekking o escursionismo a due passi dal lago.

In generale tutto il Lago di Garda è stato contraddistinto da un Natale con grandi numeri. Le previsioni sugli afflussi turistici erano state pronosticate positive e gli addetti ai lavori spiegano che il periodo delle festività è stato un’occasione per molti turisti di scoprire il fascino di una vacanza sul lago di Garda nelle giornate d’inverno.

«Il trand delle prenotazioni – ha spiegato Fabio Barelli, presidente del Consorzio albergatori e ristoratori di Sirmione – è in linea con quello degli anni scorsi. Da Santo Stefano all’Epifania hanno aperto circa il 35% degli alberghi, la maggior parte dei quali hanno registrato il tutto esaurito a cavallo dell’ultimo dell’anno”. La permanenza media è stata di un paio di giorni, ma in molti hanno deciso di concedersi qualche momento in più per assaporare l’atmosfera natalizia e ammirare le bellezze della zona. La maggior parte della clientela è di origine italiana ma c’è anche una buona percentuale di stranieri il che rende gli operatori ottimisti per il futuro.

Sul versante dei ristoranti oltre il 50% delle strutture del borgo termale hanno aperto i battenti durante le festività. Situazione analoga nella vicina Desenzano come conferma il presidente di Hotel Promotion, Marco Polettini: “È prevista una buona affluenza di turisti soprattutto italiani fino a Capodanno. Sul totale degli alberghi ne saranno aperti circa una ventina. Per noi è un’ulteriore occasione per farci conoscere in vista della prossima stagione”.

“A Desenzano gli hotel hanno registrato un boom di prenotazioni e i turisti sono stati travolti da un’inarrestabile voglia di shopping nelle vie del centro storico. A Sirmione il Capodanno è stato sold out. E il presepe meccanico di Manerba è stato tra le attrazioni più visitate”.

Desenzano si è presentata vestita a festa con allestimenti luminosi dall’effetto scenografico proiettati sulle facciate degli edifici principali. “Abbiamo addobbato la città in modo accattivante – sottolinea Valentino Righetti, assessore al turismo di Desenzano – per creare un’ulteriore occasione per visitare il centro storico. Le aspettative per il periodo natalizio sono buone anche se la concorrenza è tanta e qualche attività potrebbe essere penalizzata”.

La vigilia di Natale il trasporto sugli autobus urbani era gratuito, a San Martino c’erano il mercatino natalizio dell’artigianato, mentre il centro di Rivoltella è stato animato dai Cuori Ben Nati che hanno offerto assaggi di dolci, caldarroste, cioccolata calda e vin brulè.

E ancora, a Sirmione in piazza Carducci era in programma musica dal vivo e vin brulè fino alle due del mattino, la sera di Santo Stefano nella chiesa di Colombare c’era in programma il Concerto di Natale del Gran Coro sirmionese. Nella penisola è stata allestita per tutto il periodo delle feste la pista di pattinaggio sul ghiaccio in piazza Montemurro, mentre a Manerba è stato allestito il presepe meccanico e il Mercatino sotto l’albero nelle piazze Aldo Moro e Garibaldi.

Fonte Bresciaoggi 24 dicembre 2016

Lascia una risposta

Confronta Annunci